Squadra o schizzo?

Squadra o schizzo?

Nelle nostre scuole migliaia di ragazzi devono fare i conti ogni anno con l’oscuro disegno tecnico:)

Avete mai visto passeggiando per piazza d’armi a Torino l’opera di Tony Cragg creata per le olimpiadi del 2006?

Vi siete mai chiesti cosa sono e cosa rappresentano i tre monoliti?

Nel link seguente potete vedere il disegno alla base dell’opera, l’idea iniziale……

http://www.fondazionedefornaris.org/?artwork-artists=cragg-tony

Hai mai provato l’impulso di trasformare in disegno quello che vedi o sogni?

 

Avatar
Maria Cristina Protti
13 Comments
  • Avatar
    Liceo scientifico GALFER-Torino - Aprile 16, 2020

    Tutte le mattine passo con il tram davanti a quest’opera di Cragg, ormai da tre anni. Non sapevo si chiamasse Punti di Vista, sapevo che era stata messa lì durante le olimpiadi e pensavo ricordasse la fiamma olimpica.
    Appena sarà finita la quarantena voglio andare a vedere l’opera da vicino e capire con che materiali è stata realizzata.
    A scuola facciamo soprattutto disegno tecnico, non ho mai provato a fare miei disegni , non saprei da dove iniziare 🥴

    • Martina - ARTE FAM@
      Martina - ARTE FAM@
      Rispondi
      - Aprile 18, 2020

      Ciao Alex, grazie del commento!
      A volte per poter disegnare qualcosa di meno tecnico, basta solo lasciarsi ispirare da ciò che ci circonda. Ti segnaliamo una piccola guida fatta di consigli su come iniziare 🙂 https://www.wikihow.it/Pensare-a-Cosa-Disegnare
      Ci auguriamo che potremo tutti rivedere nuovamente al più presto l’opera di Cragg! A presto

  • Avatar
    Giovanni
    Rispondi
    - Aprile 18, 2020

    Io sì, ho già visto quell’ opera ed è bellissima e sono felice che si trovi nella città in cui abito.
    Sapevo che era stata creata per le olimpiadi ma non sapevo il nome, ancora non riesco a realizzare perché si chiama così, per questo che voglio analizzarla da vicino.
    A scuola a me piace molto arte, in tante fasi, sia disegno geometrico e tecnico e sia disegno libero e astratto, e devo dire che sono anche molto bravo, a disegnare.

  • Avatar
    Luigi
    Rispondi
    - Aprile 19, 2020

    No, non ho mai visto questa opera in piazza d’armi creata da Tony Cragg per l’olimpiadi invernali del 2006. Vedendo Ora l’immagine dei tre monoliti, posso dire che non mi attira particolarmente. Capisco che l’arte non deve piacere, ma emozionare ed io rimango incanto per opere di tipo più classico anche se possono essere definite fotografie della realtà, come il David di Michelangelo. Sarà un onore avere qui a Torino un opera di questo artista che ha studiato al Royale Colleg di Londra, ma io contesto la secelta di un artista straniera visto la difficoltà ad emergere ddi nostri creatori italiani che spesso devono immaginare all’estero per trovare la fama. Lui essendo britannico, a mio parere non riuscito a collocare l’opera con il territorio a cui si riferiva. Quest’opera può essere collocata in ogni parte del mondo perché non contiene degli elementi che si riferiscono alle Alpi piemontesei in cui sono svolte le gare. Un esempio potrebbe essere anche solo un capello o una pena d’alpino stilizzata per ricordare chi in queste montagne non ci è andato a vincere una medaglia, ma a morire per salvarci da un invasore. In oltre un opera che utilizza questa tecnica di lavorazione del bronzo forse poteva essere realizzata anche dalle maestranze del canavese che sono ottimi lavoratori del rame. Noi a scuola quest’anno abbiamo fatto disegno tecnico, non l’ho trovato molto facile mentre nelle medie ho fatto anche dsegno artistico in cui me la cavavo meglio perché mi piaceva di più.

  • Avatar
    Roberta
    Rispondi
    - Maggio 30, 2020

    Io non ho mai visto quell’opera e non mi sono mai chiesto che cosa rappresenti, devo dire che è bellissima.
    Io non ho mai provato l’impulso di trasformare in disegno quello che vedo o sogno.

  • Avatar
    Zoe
    Rispondi
    - Maggio 31, 2020

    Non mi ricordo di quella scultura, ma sicuramente l’ho già vista. Io non sono mai stata brava a disegnare, però ho sempre trasformato la mia vira, tutto ciò che mi accade ogni giorno e quello che si trova intorno a me, in un pensiero. Qualunque cosa, che abbia poca importanza o no, io ci penso e ci ripenso. IL momento in cui più lo faccio e la sera, mi infilo nelle coperte e ripenso agli episodi che ho trascorso durante il giorno, alle cose divertenti o imbarazzanti, a quello che è accaduto intorno a me. Io trasformo i miei giorni in ricordi e pensieri.

  • Avatar
    Leonardo
    Rispondi
    - Giugno 8, 2020

    Io ci sono passato solo una volta davanti a quest’opera; non sapevo cosa fosse e non ci ho fatto caso.
    Adesso che ci penso è molto bella soprattutto perché l’autore è partito dal disegno libero al posto del disegno tecnico; io non ne so tanto di disegno libero e ne di disegno tecnico, ma capisco che in quest’opera, l’ autore ha usato molto impegno e se dovessi dargli un voto gli darei un dieci.
    Il posto in cui hanno messo questa scultura è vicino allo stadio olimpico di Torino.
    Questo monumento mi ricorda gambe di calciatori rotte, girate al contrario.
    Sarei curioso di sapere come interpretano l’opera altre persone che hanno potuto ammirarla.

  • Avatar
    Giovanni
    Rispondi
    - Giugno 16, 2020

    Questa magnifica opera artistica, si trova a pochi chilometri di distanza da casa mia. Quando mi reco in Piazza d’Armi con la mia bicicletta, non ci faccio mai caso, ma guardando più attentamente questi monoliti in fotografia, devo ammettere che la prossima volta li ammirerò con tutto il loro splendore!
    Questi tre capolavori di bronzo evocano la velocità delle prestazioni sportive, dando una sensazione di movimento a chi li osserva.
    A volte mi diverto a riprodurre su un disegno quello che vedo o che sogno. Altre volte mi capita di trasformare in un pensiero tutto ciò che osservo o che immagino.

  • Avatar
    Lorenzo
    Rispondi
    - Giugno 17, 2020

    io l’ho già visto quel monumento, è molto bello

Post a Comment

Comment
Name
Email
Nome Scuola