Fondazione De Fornaris on the web

Fondazione De Fornaris on the web

Esposti per la prima volta insieme, 70 capolavori della collezione De Fornaris inaugurano il nuovo Museo Virtuale della Fondazione

In quasi quarant’anni di attività nel mondo dell’arte, la Fondazione De Fornaris non ha mai potuto disporre di un proprio museo “fisico”, nel quale esporre in modo permanente la sua ricca collezione. Nasce da qui l’ambizione di progettare da zero “Il Museo che non c’è”: un innovativo museo virtuale che presenta, valorizza e rende accessibili a tutti le opere più preziose della Fondazione. Uno dei pochissimi esempi al mondo di museo non presente nella realtà, ma progettato appositamente per essere visitato e apprezzato solo sul web.

La collezione De Fornaris vanta migliaia tra dipinti, sculture, installazioni e raccolte di grafica, con capolavori di autori di primissimo piano dall’Ottocento a oggi: da Hayez a Morbelli e Pellizza da Volpedo, da de Chirico a Morandi e Casorati, da Burri a Carol Rama e Paolini, fino a Merz, Pistoletto e Penone. Per statuto le opere vengono date in comodato gratuito alla GAM, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, che le espone a rotazione e solo per periodi limitati. La Fondazione De Fornaris, presieduta da Piergiorgio Re, avrà ora un proprio museo: il progetto ha subito un’accelerazione e acquisito maggiore rilevanza durante il periodo di lockdown, che ha mutato gli scenari mondiali anche per quanto riguarda le realtà museali.

Sul sito della Fondazione curato da PRC Multimedia, è possibile accedere direttamente sia al museo virtuale che al ricco data base di opere e artisti: per ogni opera è disponibile uno zoom ad alta definizione che rende se possibile, ancora più fruibile il patrimonio artistico che vanta più di un migliaio di opere della Fondazione.

 

Date

Dicembre 2, 2020

Category

PRC works

Share